Laura Cocchi

Il_Melograno ottobre 4, 2012 Commenti disabilitati
Laura Cocchi

Laura Cocchi, Nell’attesa di te. Con queste parole ci racconta qualcosa di personale per aiutarci a comprendere questo bel lavoro

<<Ci sono infiniti modi in cui la parte più profonda di noi si relaziona con chi incontriamo. Si intreccia, si sfiora, si avvicina timida o spavalda, si respinge, aspetta, fugge…

Voglio parlare delle mie emozioni, di quello che provo, di quello che vivo che è anche la somma di quello che c’è stato nella mia vita. Rabbia, dolore, delusione, impotenza, paura, bisogno d’amore, voglia d’amare,  fiducia, speranza…

Per farlo uso il colore e i materiali che sento più in sintonia con me e che provengono dalla natura. Tanti li raccolgo. Come la corteccia di questo quadro. Ho rispetto per ciò che mi circonda, o almeno ci provo. Nel sentiero che alcune volte percorro per andare a fare la spesa, che passa tra prati e alberi, ho trovato, tutto bagnato, solo e abbandonato,  un pezzo di tronco tagliato e pezzi di corteccia che gli stavano accanto. Li ho raccolti pensando che era proprio quello di cui avevo bisogno per la cornice non cornice e perché i colori dell’interno mi piacevano tanto. Questo per precisare che non vado in giro spogliando alberi o tagliando fiori e piante, a meno che non siamo secche o cadute.

Per arrivare da qualche parte, bisogna partire da qualche parte…>>

Laura Cocchi

 

Pin It